I 10 Sindaci salentini hanno un nome e cognome.

Il centrodestra tradizionale Fratelli d’Italia, Forza Italia e Lega dove si presenta unito vince. Il Movimento 5 Stelle arranca, il centrosinistra continua a  perdere consensi. Affluenza in calo rispetto all’anno scorso, si è passati dal 66,97 al 60% con la provincia di Lecce in controtendenza. Nei dieci comuni salentini chiamati al voto, tutti sotto i quindicimila mila abitanti trionfano le civiche.

Alezio

Andrea Vito Barone ottiene il 38,55.  Paola De Mitri con il 35,18. Terza  Guido Sansò che ottiene 13, 18. Rocco Luchina con il 13,6.

Giurdignano

Monica Laura Gravante con il 74,39%. Giovanna Accoto racimola soltanto il 25,60 dei consensi.

Montesano Salentino

Giuseppe Maglie che ha ottenuto il 56, 45%  Maglie Massimo a cui ha dato il voto il 43,54

Salve

A Francesco Villanova Il 53,59% . Nicola De Lecce ha ottenuto il 46,40%

San Donato

Alessandro Quarta eletto con il 62,48% dei voti. A Cesare Taurino va il 37,51% delle preferenze.

Sannicola

Cosimo Piccione viene eletto sullo scranno di sindaco con il 63,60% al Paolo Farachi va il 36,39%

Santa Cesarea

Pasquale Bleve vince con il 65,82% dei voti. Maria Corvaglia ottiene il 34,17

Spongano

Luigi Rizzello con il 43,64% dei voti; Salvatore Donno riceve il 29,65%. Alfredo Marti il 26,70.

Squinzano

L’ex Sindaco Gianni Marra ottiene il 39,96% dei voti; il Sindaco uscente Mino Miccoli 38,29. Terza piazza per Michele Maggio con il 16,59; Sandro Morciano 4,68% e d Andrea Arnesani lo 0,45.

Vernole

Francesco Leo con il 50,02 Luca De Carlo che ottiene il 49,97%.

Precedente “Aiutiamo a casa loro”? Nelle nostre tesi veniva prima l’analisi del problema: “dramma loro, dramma nostro”.  Successivo Lecce. ARCI: "Aprite i porti", il web li affonda. E' un sentimento umanitario o anche altro? 

Lascia un commento

*