Nuove mafie. Salvini ordina di fermare Fratelli d’Italia.

Non ci sono solo le mafie storiche ad operare sul territorio nazionale, ndrangheta, camorra, cosa nostra, sacra corona unita, ora siamo anche importatori di nuove organizzazioni criminali. Le gang sudamericane, i cinesi a Nord, i nigeriani e i russi nel Centro-Sud, altri lungo tutto lo Stivale, molte di queste gestiscono il narcotraffico, la tratta degli esseri umani, la prostituzione,  il riciclaggio di denaro. Nuovi equilibri e collaborazione nel mondo globale secondo la relazione della Dna. Tra il’1 luglio del 2015 e il 30 giugno del 2016 sono stati 1.555 gli italiani accusati di associazione mafiosa e 570 gli stranieri, ogni quattro persone  indagate per 416 bis, ce n’é almeno una straniera, dati destinati a cresce se si passa alle inchieste per traffico di stupefacenti: 16.170 gli italiani indagati contro 10.184 stranieri.

Dati che confermano come le associazioni criminali straniere siano ormai la quarta mafia d’Italia.

Fratelli d’Italia aveva chiesto che la commissione anti mafia, in fase di ricostituendo in queste ore in parlamento,  si occupasse anche della mafia cinese, nigeriana e altre mafie, figlie di un non controllo dell’immigrazione delle quali i professionisti dell’antimafia come Saviano si rifiutano di parlare. La maggioranza della commissione  ha votato contro l’emendamento.

E’ quanto dichiara il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che aggiunge:  “Ha votato contro  il Partito Democratico del quale conosciamo le politiche sull’immigrazione ed il Movimento Cinque Stelle mai stato chiaro su queste posizioni e purtroppo anche la Lega. Battaglie  condivise fino ad oggi. “Spero che sia stata davvero una svista, che non sia stato il “morbo del politicamente corretto” che ha attecchito su chi sta al governo”.

La tempestività di intervento è fondamentale su questi temi, soprattutto per prevenire il radicarsi ed il consolidarsi di queste organizzazioni che una volta ramificatesi nel tessuto sociale e produttivo della Nazione, sono difficili da estirpare. Si consolidano e costruiscono il loro futuro sulla formazione dei bambini, lo fanno con forza e senza scrupoli in un sistema italiano in seria difficoltà di risorse economiche spese per cercare di arginare il fiume in piena dell’accoglienza. Un effetto evidente delle politiche liberali e liberticide che nell’assenza di una legislazione al passo con i tempi, con le forze dell’ordine mal pagate, scarsamente equipaggiate e vessate, rischiano di tramutarsi in una battaglia impari.

In fine, completamente da riformare risulta il ruolo della Polizia Locale, prima linea nella prevenzione dei reati commerciali, sanitari ed ambientali ancora relegati ad un marginale ruolo di circolazione stradale, ma anch’esse forze di polizia giudiziaria e spesso costretti ad intervenire in accadimenti criminosi.

Precedente Le sanzioni alla Russia sono state rinnovate ed il Bilderberg si è riunito a Torino senza che Salvini battesse ciglio. Successivo Assemblea Nazionale di Fratelli d'Italia. De Luca: pronta la proposta per il salario minimo d'inserimento sociale e reinserimento lavorativo

Lascia un commento

*