“Sistema cultura” in Puglia da Loredana Capone in poi. De Luca (FDI) ne parla a Congedo: “accendere un faro per capire che succede”.

Il Dirigente Nazionale di Fratelli d’Italia ha avuto un confronto con il Consigliere regionale Saverio Congedo su alcuni punti del complesso “sistema” cultura pugliese nell’era Loredana Capone.

Un enorme balzo indietro in termini qualitativi. Un abisso tra l’ottimo lavoro svolto dal predecessore  Silvia Godelli sia per la qualità dei bandi che per la gestione del sistema e la gestione propagandistica di Loredana Capone.

“Urge fare chiarezza – a detta del Dirigente Nazionale di FDI De Luca –  sulla situazione di Puglia Sounds e sul sistema di rendicontazione di tutte le Fondazioni partecipate dalla Regione”.

Due bandi risultano non essere ancora operativi dopo oltre un anno. Molte organizzazioni lamentano poi l’ECCESSIVA BUROCRAZIA e  COMPLESSITÀ degli stessi, ad esempio le polemiche intorno al Carnevale di Putignano, i ritardi nella erogazione dei fondi, la delicata situazione di Novoli e la disparità comportamentale, anche in materia di finanziamento tra i 250.000 euro annui per la Focara ed il milione di euro per la Notte della Taranta.

Anche per Medimex, la “fiera della musica” con sede a Bari, venivano investiti circa 800.000 EURO, compreso l’affitto della Fiera del Levante dove si svolgeva. Con l’avvento di  Loredana Capone, l’evento sembrava essere stato annullato dal 2016, per poi ritornare nel 2017 con una spesa oltre 1.300.000 EURO. Pare 1.700.000 euro.

Cosa succede al sistema culturale pugliese?

 

Precedente Manicomi. Giovanni De Luca: quaranta anni dopo la legge Basaglia fra dignità dell'individuo e problemi irrisolti. Successivo Lecce. Sbarrate porte e "fenesce". Passano "li pesticidi"

Lascia un commento

*