Le sanzioni alla Russia sono state rinnovate ed il Bilderberg si è riunito a Torino senza che Salvini battesse ciglio.

Si è svolto a Torino il 7 giugno scorso con 128 invitati al club esclusivo, il summit del Bilderberg. Nel sito ufficiale del Bilderberg sono stati pubblicati i nomi dei blindati e la vera sorpresa però arriva dal Vaticano. Insieme al gotha della finanza e delle banche mondiali anche Pietro Parolin, saggio segretario di Stato del Vaticano. Quattro giorni (dal 7 al 10 giugno) dove  ministri, industriali, amministratori delegati di multinazionali e i vertici di numerose banche, ora anche il vaticano,  Henry Kissinger braccio destro di Nixon molto vicino a Napolitano, José M. Barroso di Goldman Sachs ed ex presidente della Commissione Ue,  Jens Stoltenberg segretario generale della Nato, hanno discusso di grandi temi in un muro di sicurezza impenetrabile dove resta da capire cosa si sono detti. Scenari geopolitici ed assetti internazionali in movimento.

Il mondo è cambiato. L’asse geopolitico si è spostato ed impone una nuova logica nella politica estera. Su quasi tutti i continenti domina il Nuovo Ordine Mondiale con le sue politiche “mondialiste”. Esse si riferiscono ad un concetto politico-culturale del quale si fanno portatori e diffusori potenti gruppi tecnocratico-plutocratici semi occulti, in parte esposti alla luce dei riflettori e sapientemente manovrati. Alle loro spalle, nell’ombra restano gli oligarchi di strutture semi pubbliche ed al confine con la legalità ed il diritto degli Stati. Il loro unico obiettivo massonico è raggiungere un unico governo mondiale depositario del potere economico, politico, culturale e sovra religioso.

LE ARTICOLAZIONI STRUTTURALI DI UN SIMILE PROGETTO SI FONDANO SULLA INTEGRAZIONE “TRILATERALE” DEI “GRANDI INSIEMI” GEO ECONOMICI: USA, EUROPA, AFRICA I QUALI SARANNO SOTTOPOSTI AL DOMINIO DEI TECNOCRATI FINANZIARI DELL’APPARATO DI POTERE PLUTOCRATICO INSTALLATO NEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE DELLE BANCHE E DELLE MULTINAZIONALI.

Queste sono le strutture operative del comando occulto, dal quartier generale del quale, l’alta finanza internazionale pianifica e concretizza guerre, devastazioni, annullamento di confini, sconvolgimenti planetari dei quali, l’immigrazione indotta è il suo volto più visibile. Il turbo capitalismo è la scimmia dell’universalità, la contraffazione anti tradizionale e parodistica delle idealità universali che hanno omogeneamente permeato le costruzioni politiche, ed hanno ispirato le vicende storiche delle società tradizionali.

IL MONDIALISMO E’ UN PROCESSO DISSOLUTIVO “DISCENDENTE” IL CUI TRATTO DISTINTIVO E’ IL RIDUZIONISMO, OVVERO LA DEGRADAZIONE DELL’UMANITA’ AD UNA POLTIGLIA INDIFFERENZIATA, CONFORMEMENTE CON I PERVERSI RITMI SCANDITI DA CONDIZIONAMENTI E ALIENANTI DINAMICHE MASSIFICATORIE. PUNTO D’ARRIVO E’ LA SERIE DEGLI UOMINI-ROBOT CHE RIPETONO DEMENZIALMENTE UNO STESSO TIPO DI GESTI DALLE BESTIALI CARATTERISTICHE DI TESAURIZZATORE, TRAFFICANTE E CONSUMATORE DI COSE MATERIALI. QUESTO OBIETTIVO “TATTICO” E’ PERSEGUITO DALL’OLIGARCHIA MONDIALIALISTA IN FUNZIONE DI UNA STRATEGIA DI DOMINIO PLANETARIO, OGGI ESPLICITAMENTE DENOMINATA NUOVO ORDINE MONDIALE.

Il processo politico che da sempre denunciamo oggi è sotto gli occhi di tutti, spetta a noi il compito di proporre una valida alternativa in linea con i processi democratici di crescita sociale, culturale ed economica all’insegna dei valori dei quali siamo – da sempre – portatori. Lo vogliamo fare al fianco della Russia di Putin, della Siria di Assad, degli Islam moderati ed aperti al dialogo, al fianco dei paesi emergenti: Pakistan, India ed altri fuori dal dominio del Nuovo Ordine Mondiale che si serve dell’Isis e dello scontro fra religioni come “strategia della tensione planetaria”, nel solito gioco degli opposti estremismi già denunciati nei processi in atto in tutto il mondo e dei quali scriviamo da sempre.

Strategia costruita fra apparati deviati dello Stato e depistaggi. strategia che portò in galera intere nostre generazioni e costrinse ad uno scontro da guerra civile gli opposti estremismi di destra e sinistra negli anni di piombo,  quando l’asse del mondo divideva in due l’Italia confine fra l’Est sovietico e l’Occidente Angloamericano. Questo schema oggi si ripropone fra il Nord ed Sud del mondo.

In parlamento nessuno che si sia posto il problema, nessun interrogazione parlamentare, nessun intervento del Ministro degli Interni Salvini per capire perché se le spese dell’evento sono tutte private, la sicurezza debba essere garantita in maniera così imponente dallo Stato.  Affrontare con competenza questi temi richiede sforzi enormi e contributi fattivi. Anche noi abbiamo bruciato un trentennio in errori strategici e di posizionamenti sbagliati al cospetto dei problemi che abbiamo affrontato in questo articolo, o su quelli nuovi sui quali ci stiamo confrontando e cimentando. Dare risposte sempre all’altezza della nostra storia è il senso della nostra missione. Lo scopo della nostra battaglia politica secondo la nostra concezione della vita e del mondo è sempre la stessa.

Non siamo chiusi al dialogo con le forze “sovraniste”  e “populiste”, ma noi siamo socialpopolari e guardiamo ai contenuti. Possiamo dialogare  a condizione che si rompano gli indugi e lo Stato – e chi lo rappresenta –  abbia padronanza di ciò che avviene sul suo territorio, ecco perché continuiamo a non essere d’accordo con le strategie della Lega Nord e della Lega per Salvini Premier che continuano a correre come un “cricetino” nella ruota di una “gabbietta del sistema”, dietro agli effetti delle politiche mondialiste delle quali l’immigrazione indotta è solo un effetto.

Si dia inizio ad interessarsi della causa scatenante di questi problemi, si inizi, dunque, a farci sapere (ora che lo si può fare) che cosa si sono detti in riunione tutti questi signori. Magari ci convinceremo che questo Governo non è solo uno strumento  – fuoco di paglia – del “sistema”. Il Movimento 5 Stelle incanala speranze e Salvini paure. Tutto cambia affinché nulla cambi realmente.

 

Precedente Barbara Lezzi in otto TAPpe del perfetto stile salentino "racconti di Papa Galeazzu" Successivo Nuove mafie. Salvini ordina di fermare Fratelli d'Italia.

Lascia un commento

*